Logo Regione Autonoma della Sardegna

Fondo Deledda

 
info
Ritratto giovanile di Grazia Deledda con la sorella
Il Centro di Documentazione dell'Istituto ha riservato una distinta sezione al premio Nobel per la Letteratura, la scrittrice Grazia Deledda. In tale sezione confluiscono tutte le pubblicazioni deleddiane, in particolare diverse edizioni e le traduzioni in varie lingue delle sue opere oltre che quelle di critica.

Il nucleo originario del Fondo Deledda è costituito dai documenti donati all'Istituto nel 1979 dagli eredi di Grazia Deledda, la signora Fernanda Madesani Deledda Maggi e Massimo Madesani, rispettivamente nuora e nipote della scrittrice. Col tempo il Fondo e' stato incrementato con nuove acquisizioni provenienti per lo piu' da acquisti dell'Istituto e in parte da donazioni diverse di cui si fa riferimento piu' avanti in distinte schede ordinate cronologicamente.

Immagini libri G. Deledda
  • Copertina del volume Von der toten Insel: Sardische Dorsgeschichten. Leipzig: Anstalt, 1905.
    • Copertina del romanzo Cenere di Grazia Deledda edizione: Milano: Treves, 1913
      • Pagina iniziale del romanzo Cenere di  Grazia Deledda edizione : Milano : Treves, 1913
        • Copertina del romanzo Canne al vento di  Grazia Deledda edizione : Milano : Treves, 1913
          • Copertina del romanzo Cosima di  Grazia Deledda edizione : Milano : Treves, 1937
            • Copertina del romanzo Elias Portolu di  Grazia Deledda edizione : Milano : Treves, 1917
              • Pagina iniziale del romanzo Elias Portolu di  Grazia Deledda edizione : Milano : Treves, 1917


    Immagini de La Grazia
      • Copertina del libretto originale promozionale del film ''La Grazia'' 1929, di A. De Benedetti, tratto dalla novella ''Di Notte'' di Grazia Deledda. Bozzetto di Melkiorre Melis
        • Pagina 1 del libretto La Grazia
          • Pagina 2 del libretto La Grazia
            • Pagina 3 del libretto La Grazia
              • Pagina 4 del libretto La Grazia
                • Pagina 5 del libretto La Grazia
                  • Pagina 6 del libretto La Grazia